Associazione Culturale Udine Sipario
Visita alla mostra "I colori della seduzione"
data: 27 gennaio 2013
luogo: Castello di Udine
organizzazione: Associazione Culturale Udine Sipario
La Dott.ssa Liliana Cargnelutti, scrittrice, storica e collaboratrice con la Soprintendenza Archivistica del Friuli Venezia Giulia ha accompagnato il gruppo in una interessante visita guidata alla mostra "I colori della seduzione" allestita presso il Castello di Udine.

Un'occasione unica per vedere riunite, dopo quasi duecento anni, le due tele che compongono il Mosè salvato dalle acque di Giambattista Tiepolo. L'opera, tagliata negli anni ’20 dell’800, viene proposta nella sua composizione originaria, riaccostando il Mosè della Scottish National Gallery di Edimburgo con l’Alabardiere della collezione Agnelli di Torino, così come documentato da una copia coeva attribuita a Giandomenico Tiepolo della Staatsgalerie di Stoccarda. Le due parti della tela, che hanno avuto destini conservativi diversi, presentano oggi colori
leggermente diversi. Un sistema di illuminotecnica all’avanguardia renderà possibile vedere l’opera sia come è realmente, che secondo una colorazione uniforme. Ideale risulta l’accostamento al Mosè salvato dalle acque di Paolo Veronese del Musée des Beaux Arts di Digione, per rilevare le assonanze e la personale soluzione adottata da Tiepolo. Il confronto diretto tra le due opere vuole riportare l’attenzione sullo speciale rapporto intessuto da Tiepolo con uno dei più importanti esponenti della tradizione pittorica veneziana del Cinquecento. Tiepolo trovò infatti nell’arte di Veronese lo stimolo al superamento della “maniera scura” e il punto di partenza per la maturazione di un linguaggio che lo avrebbe trasformato in uno dei grandi protagonisti della pittura europea del Settecento. A partire dagli affreschi del Palazzo arcivescovile di Udine, una sorta di prologo e punto di partenza della mostra, Tiepolo intraprende un percorso di ‘emulazione’ di Veronese. Il critico Francesco Algarotti definì l’amico Tiepolo ‘l’emulo di Paolo’. Guardare a Veronese significò per Tiepolo rivisitarne l’interpretazione di temi religiosi o di storia antica, mediante scenografiche impostazioni di natura teatrale, prospettive architettoniche e opulenza decorativa, ed appropriarsi di una tavolozza squillante di colori puri e ombre colorate. La mostra è articolata in quattro sezioni nelle quali Tiepolo e Veronese vengono messi a confronto nella trattazione di alcuni temi religiosi, mitologici e della storia antica: il Mosè salvato dalle acque, il Ratto d’Europa, le Cene e i Banchetti e l’Adorazione dei Magi. Il complesso terreno di confronto tra i due artisti è messo in luce anche dai bozzetti e dai disegni, che illustrano le varie modalità con cui Tiepolo ha riletto l’eredità figurativa di Veronese nei vari momenti del processo creativo. Oltre alle tele, la mostra vanta infatti un gruppo straordinario di fogli di Tiepolo e Veronese, prestati da musei nazionali e internazionali di primo piano (Galleria degli Uffizi, Victoria and Albert Museum di Londra, Ashmolean Museum di Oxford, Département des Arts Graphiques del Louvre, Schlossmuseum di Weimar e Städel Museum di Francoforte). Un dialogo visivo che vede, ad esempio, il disegno d’insieme approntato da Tiepolo per il Banchetto di Antonio e Cleopatra esposto insieme ai pensieri di Veronese sul tema dei banchetti, rappresentati dallo studio preparatorio per le Nozze di Cana e al modello a olio della National Gallery di Londra. (fonte www.udinecultura.it)

©2019 Associazione Culturale Udine Sipario
Contatti - Newsletter - Cookie Policy